accident

«Conoscete la sindrome del “rallentare e guardare l’incidente”? E’ così che mi sento a volte. Un incidente a lato della strada. La gente rallenta quando mi vede, allunga il collo oltre il finestrino, cerca di darmi una lunga occhiata, di memorizzare i solchi sulle gambe zoppicanti, le piccole menomazioni o le cicatrici delle ustioni. Mi immagino là in mezzo, raccolta in me stessa, tra le lamiere contorte e le luci dei lampeggianti. Io sono l’incidente, sono il sollievo strisciante che si insinua in chi mi guarda. Ma sono anche il coraggio, l’orgoglio che sta per sollevarsi. Guardatemi pure.  Io sono l’incidente. Io sono la sopravvissuta.»

(Alexie, incidente stradale)

 

accident”, 2012-16 © Daniele Deriu – “Scars of life”, series.

 

Scars of life“: Ho sempre mostrato i “segni di una lotta” nei miei lavori… alcune volte appena percepiti, altre volte assai più evidenti. Le cicatrici servono a ricordarci che siamo dei sopravvissuti. Sono le memorie delle nostre battaglie, le ustioni dei nostri personali inferni. Alcune delle sopravvissute hanno accettato di mostrarle, di lasciare una testimonianza. “Ecco guardate”, dicono, dall’inferno si può tornare. Lottare non è vano.

Daniele Deriu

Qui le altre della serie: “SCARS OF LIFE”

Qui su facebook: https://www.facebook.com/daniele.deriu.works/

 

Top! Copyright (c) 2012-17 illogico.it — Daniele Deriu Photography - photophilosophy and artwork :: daniele@illogico.it.
Social Links:
FACEBOOK
FLICKR
DEVIAN-ART
SKYPE