Scars of life, series

2016-02-03_005101"le cicatrici sono le ustioni dei nostri personali inferni..."

(vai al progetto)

Flickr

La seduzione della Regina

Don Giovanni: Là ci darem la mano, | Là mi dirai di sì. | Vedi, non è lontano; | Partiam, ben mio, da qui. Zerlina: (Vorrei e non vorrei, | Mi trema un poco il cor. | Felice, è ver, sarei, | Ma può burlarmi ancor.) (Wolfgang Amadeus Mozart, “Don Giovanni”, Atto I, scena IX)

Details
Published on:
5 febbraio 2013 23:23
Categories:
Senza categoria

Stahlstadt

«Delle volte immaginava la vita degli altri come dettata dalle regole ferree di una cabina d’ascensore. Quando questa raggiungeva la portabilità massima, qualcuno doveva scendere, a qualcuno toccava scendere e fare le scale. Si sentiva di essere quel qualcuno. Il suo peso, nella vita degli altri, aveva sempre un valore sacrificabile.» (Daniele Deriu, “Incipit inutili”,

Details
Published on:
5 febbraio 2013 23:19
Categories:
Senza categoria

Upanisad

Le Upanisad narrano dell’alba della coscienza umana. L’uomo prende coscienza di se stesso e tramite questo atto diventa cosciente della sua solitudine e del modo di superarla. Il suo non è semplicemente il desiderio dell’altro, nemmeno di un altro simile a sé o a una parte di sé, ma un dinamismo verso la pienezza del

Details
Published on:
28 gennaio 2013 22:25
Categories:
Senza categoria

bearer of pain

«Voi che vivete sicuri Nelle vostre tiepide case, Voi che trovate tornando a sera Il cibo caldo e visi amici: Considerate se questo è un uomo Che lavora nel fango Che non conosce pace Che lotta per mezzo pane Che muore per un sì o per un no. Considerate se questa è una donna, Senza

Details
Published on:
27 gennaio 2013 15:55
Categories:
Senza categoria

la donna di West Bowlby

«…avere la prova che non sono stata solo per te, come chiedevi, pura idea, puro spirito, ma che mi hai anche sentita, qualche volta almeno, come spina acuta, nel cuore, e nella carne. Saper che hai tremato al dubbio di perdermi, di non ritrovarmi…» (Sibilla Aleramo)   “la donna di West Bowlby”, [dystopian visions] photo-artwork

Details
Published on:
18 gennaio 2013 01:45
Categories:
Senza categoria

Loudun

«Un edificio grigio e pesante di soli trentaquattro piani. Sopra l’entrata principale le parole: “Centro di incubazione e di condizionamento di Londra Centrale” e in uno stemma il motto dello Stato Mondiale: “Comunità, Identità, Stabilità”. L’enorme stanza al pianterreno era volta verso il nord. Fredda, nonostante l’estate che sfolgorava al di là dei vetri, nonostante

Details
Published on:
18 gennaio 2013 01:35
Categories:
Senza categoria

she turned the page

«Non so se sono stata donna, non so se sono stata spirito. Son stata amore. Il poco che una donna riesce a realizzare nel campo della poesia è il risultato di una tensione infinitamente più tremenda della tensione virile. La società non mi perdona proprio questo, non mi perdona che io vada sola ed indifesa,

Details
Published on:
18 gennaio 2013 01:03
Categories:
Senza categoria

I guerrieri non ascendono

«I guerrieri non ascendono vittoria o sconfitta Quello che fanno è aspettare la prossima battaglia.» (—) «Conoscere l’altro e se stessi – cento battaglie, senza rischi; non conoscere l’altro, e conoscere se stessi – a volte, vittoria; a volte, sconfitta; non conoscere l’altro, né se stessi – ogni battaglia è un rischio certo.» (Sun Tzu,

Details
Published on:
8 gennaio 2013 23:23
Categories:
Senza categoria

woman of few words

«Io sono come la sfera di cristallo in cui la gente trova la sua unità mistica. A causa della mia ossessione per l’essenziale, della mia noncuranza per i dettagli, le banalità, le interferenze, le contingenze, le apparenze, le facciate, i travestimenti, guardare dentro di me è come guardare nella sfera di cristallo. Gli altri vedono

Details
Published on:
15 dicembre 2012 17:07
Categories:
Senza categoria

two smiles

«Per me il presente è l’eternità e l’eternità è sempre in movimento, scorre, si dissolve. Questo attimo è vita. E quando passa, muore. Ma non si può ricominciare a ogni nuovo attimo, ci si deve basare su quelli già morti. È un po’ come le sabbie mobili… senza scampo fin dall’inizio. Un racconto, un quadro

Details
Published on:
10 dicembre 2012 03:01
Categories:
Senza categoria
Top! Copyright (c) 2012-17 illogico.it — Daniele Deriu Photography - photophilosophy and artwork :: daniele@illogico.it.
Social Links:
FACEBOOK
FLICKR
DEVIAN-ART
SKYPE