Awareness

«Poi, con il tempo, la ferita dell’adolescenza si era rimarginata. I lembi di pelle si erano avvicinati, con movimenti impercettibili ma continui. A ogni nuova abrasione la crosta cedeva, ma poi ostinatamente tornava a formarsi, più scura e spessa. Infine un nuovo strato di pelle, liscio ed elastico, era andato a sostituire quello mancante. Da rossa, la cicatrice era diventata bianca e aveva finito per confondersi con tutte le altre.»

(Paolo Giordano, “La solitudine dei numeri primi”)

 

«Vorrei poter raccontare una storia migliore, ma la mia resta una storia di fragilità. Troppa pressione. Proprio non la reggevo. In certi momenti tagliarmi era l’unica cosa ad avere senso, qualcosa di cui avere il pieno controllo. Il momento peggiore fu guardare gli occhi di mia madre strabuzzare di orrore quando per caso scoprì quello che mi facevo alla coscia. Fu come se avessi tagliato anche lei… ed è per lei che sono diventata meno fragile.»

(Micaela, sindrome da Autolesionismo Ripetuto)

 

Awareness”, 2012-15 © Daniele Deriu – “Scars of life”, series.

 

(…)

Scars of life“: Ho sempre mostrato i “segni di una lotta” nei miei lavori… alcune volte appena percepiti, altre volte assai più evidenti, come in questo caso. Le cicatrici servono a ricordarci che siamo dei sopravvissuti. Sono le memorie delle nostre battaglie, le ustioni dei nostri personali inferni. Alcune delle sopravvissute hanno accettato di mostrarle, di lasciare una testimonianza. “Ecco guardate”, dicono, dall’inferno si può tornare. Lottare non è vano.

Daniele Deriu

Qui le altre della serie: “SCARS OF LIFE”

 

Top! Copyright (c) 2012-17 illogico.it — Daniele Deriu Photography - photophilosophy and artwork :: daniele@illogico.it.
Social Links:
FACEBOOK
FLICKR
DEVIAN-ART
SKYPE